Rose

Come moltiplicare le rose per talea

Quello di Ottobre e Novembre è il periodo giusto per moltiplicare i nostri rosai per talea, per ottenere più esemplari per infoltire una siepe o allargare un’aiuola, o semplicemente per non perdere un esemplare ormai vecchio a cui teniamo particolarmente. Infatti, a differenza della moltiplicazione da seme, la talea consente di mantenere esattamente le stesse caratteristiche della pianta madre.

In autunno il terreno trattiene ancora calore, che assieme all’umidità che sarà portata dalle piogge autunnali (sperando che ci siano) favorirà l’emissione di radici e lo sviluppo quindi di una nuova pianta dal ramo della pianta madre.

Iniziamo scegliendo un ramo della pianta che desideriamo moltiplicare; deve essere legnoso, maturato durante l’estate, deve aver fiorito e dovrebbe avere all’incirca il diametro di una matita. Io ho scelto questo ramo:

come_fare_una_talea_di_rosa5

Da questo ramo andremo a ricavare 2-3 talee, a seconda della lunghezza del ramo e della distanza tra un nodo e l’altro.

Partendo dal basso, andiamo a tagliare con un taglio netto e preciso appena al di sotto del nodo, poi contiamo 3 nodi e andiamo a recidere subito sopra la gemma che si trova all’ascella fogliare del terzo nodo; questo taglio deve essere obliquo e inclinato verso il basso, in modo che l’umidità possa sgocciolare via velocemente dalla gemma:

come_fare_una_talea_di_rosa3

Stacchiamo le foglie, lasciando solo quella superiore, che sarà poi sfoltita in modo da lasciare solo due mezze foglioline, per evitare un’eccessiva traspirazione alla pianta, impegnata a mettere radici:

come_fare_una_talea_di_rosa2come_fare_una_talea_di_rosa

Ripetiamo l’operazione con la parte restante del ramo prelevato dalla pianta madre e andiamo a inserire le nostre talee in un contenitore con terriccio torboso, integrato da sabbia o perlite:

come_fare_una_talea_di_rosa1

L’utilizzo di ormoni radicanti in polvere a mio avviso non è indispensabile; se preferite usarli, per aumentare le possibilità di riuscita, prima di inserire la talea nel terriccio ricoprite di polvere radicante gli ultimi due-tre centimetri di talea, e scuotete via l’eccesso.

Ora basterà porre il contenitore all’esterno, in un luogo riparato dal gelo ma esposto alla pioggia; mantenete il terriccio umido ma non fradicio.

Non tirate la talea per verificare se ha emesso radici! Quasi sicuramente le rompereste. Vi accorgerete della riuscita quando noterete, a primavera, la gemma apicale ingrossarsi e le foglie nuove crescere. La talea potrà essere messa a dimora l’autunno successivo.

E voi, avete mai provato a fare talee?

 

Annunci

4 thoughts on “Come moltiplicare le rose per talea

  1. Pingback: Agosto, i lavori del mese nell’orto e in giardino |

  2. Pingback: Settembre, i lavori del mese nell’orto e in giardino |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...