Bacche/Fico/Lavanda/Orto/Pomodori/Rose/Semine/Senza categoria/Zucche

Agosto, i lavori del mese nell’orto e in giardino

Agosto, torna qualche mattina fresca e la voglia di lavorare in giardino e nell’orto. Vado a ispezionare fuori appena fa giorno, così mi godo il silenzio attorno a casa prima che tutti si mettano in moto.

Tempo di raccolti e nuovi trapianti. Per prima cosa vado a dare acqua alle verze tardive e al cavolo nero, che ho appena trapiantato in terra, in modo che attecchisca bene. Inizierò a prelevare le foglie dal basso non appena si allungano, e ne avrò a disposizione in modo scalare fino a febbraio.

trapiantare cavolo nero

Bagno anche i pomodori e le zucchine, che dopo il gran caldo africano di luglio hanno tirato il fiato e si sono rimesse a fiorire e a fruttificare.

zucchine

Per le patate aspetto ancora un po’, poi inizierò a tirarle su e le farò asciugare prima di portarle in casa.

piante di patate

Ora che con un po’ di pioggia la terra si è ammorbidita, ne approfitto per togliere qualche infestante, vengono via davvero con facilità: anche loro hanno beneficiato della pioggia e del fresco e si danno da fare, se non intervengo troverò l’orto invaso nel giro di pochi giorni.

Controllo i sostegni delle zucche, che reggono bene. Ora le foglie stanno seccando, lascerò le zucche attaccate alla pianta finchè le striature chiare da verdi vireranno al crema/giallo, segno che sono mature. Intanto accumuleranno sole e dolcezza.

zucche in maturazione

I fichi sono ancora un po’ indietro, come al solito matureranno tutti insieme alla fine del mese e riempirò cassette su cassette… Sono riconoscente a questa magnifica pianta, che resiste a tutto, è generosissima nel produrre e non chiede altro che sole e calore. Al mattino, appena le arrivano i primi raggi di sole, spande attorno il suo potente profumo.

fichi in crescita

La rinfrescata ha fatto bene anche ai Cosmos, che spuntano tra le rose, e hanno ricominciato a fiorire.

cosmos

Lascio l’orto e mi dirigo in giardino. Qui i lavori sono più orientati al mantenimento delle fioriture: tolgo sempre i fiori appassiti delle rose, se non mi interessa che maturino i cinorrodi colorati per l’autunno. Innaffio le rose in vaso con poco sangue di bue in acqua, ne traggono beneficio soprattutto dopo il sole rovente di luglio, che le aveva messe in pausa; in quei periodi è sempre bene sospendere le concimazioni.

rose edith piaf in vaso

Con i rami agostati delle rose, cioè lignificati dal sole di Agosto, verso la fine del mese si può iniziare a fare talee. Trovate indicazioni per come fare talee di rosa in questo mio post .

Lascio sfiorire invece le bocche di leone, in modo che maturino i semi da utilizzare la prossima primavera.

bocca di leone

semi di bocca di leone

Oltre alle rose, è il momento giusto anche per moltiplicare la lavanda. Basta tagliare le estremità dei rami, solo pochi cm. Tolgo le foglioline degli ultimi 2 cm, immergo il fusticino in acqua e poi lo passo nell’ormone radicante;  poi sistemo le talee in terriccio leggermente umido. Nel giro di una ventina di giorni avranno radicato.

talea di lavanda

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...